Consigli e avvertenze

Raccogliere e mangiare erbe e frutti selvatici. Consigli e avvertenze (pdf intero)

Perché (e cosa) raccogliere
Dove e come raccogliere erbe e frutti spontanei
Come usare le erbe e i frutti spontanei

Raccogliere erbe selvatiche, bacche e altri frutti nel silenzio del bosco o in mezzo ai fiori dei prati può rappresentare anche una bella emozione oltre a essere anche un salutare esercizio all’aria aperta. E una volta a casa la trasformazione di ciò che si è raccolto può essere un piacere che comincia ancora prima di sedersi a tavola. Per non parlare poi della soddisfazione di mostrare agli altri, che magari “vi guarderanno strano”, ciò di cui avete riempito tavolo e lavello della cucina. Peraltro, prima che le piante spontanee possano diventare frittate, zuppe, marmellate o liquori, potreste anche cadere vittime della sindrome del cercatore di funghi (o di qualsiasi altra cosa), per il quale è senz’altro più eccitante trovare quello che si cerca che mangiarlo. Tutte queste belle emozioni non sono tuttavia sempre semplici, riposanti e gratis, ed è quanto meno doveroso avvertire i visitatori che transitano per questo sito di una serie di cautele e accorgimenti da tenere assolutamente in conto.

Intanto bisogna imparare – come accennato nella sezione delle piante pericolose, ma repetita iuvant – a saper distinguere con certezza un esemplare da un altro per non rischiare indigestioni, e nei casi peggiori di avvelenarsi o restarci secco, visto che le specie botaniche che possono dare questi “problemi” in natura non mancano affatto. Ripetiamo che se pensare che ciò possa accadere solo con i funghi può dar luogo a spiacevolissime sorprese. Evitate quindi, come raccomandato, di mettere in bocca ciò che non conoscete! E inoltre e comunque tenete conto che anche molte piante, apparentemente innocue, possono far male, a seconda delle circostanze e delle quantità che si ingeriscono. Prima di imparare a riconoscere erbe, fiori, bacche e quant’altro è commestibile, è bene che impariate a riconoscere le piante tossiche.

Ripetuto ciò che c’era da ripetere sui pericoli, vengono qui forniti alcuni consigli e avvertenze sulla raccolta, la preparazione e il consumo, anche se certamente buona parte di voi li troveranno scontati. Ulteriori o più approfondite indicazioni si trovano comunque sparse nei documenti scaricabili e in altre pagine del sito.