Contributi

Vogliamo pensare che sarete d’accordo con noi: questa parte del sito che ospita alcune sezioni utili per un approccio “culturale” al tema non è meno importante delle altre che trattano degli aspetti botanici o gastronomici o che contengono pagine di concreta utilità. Vogliamo intendere qui il termine “culturale” in una accezione non troppo generica e quindi pensiamo di mettere insieme in questa parte del sito informazioni bibliografiche, approcci storici, punti di vista delle differenti discipline che si intersecano con la fitoalimurgia e, più ampiamente, con l’etnobotanica nella sua accezione corrente. Anche se i contributi sono offerti in sezioni non “organiche” tra di loro, potete ampliare comunque i possibili punti di vista sul più generale tema delle piante spontanee.

Pensiamo comunque di non limitarci a temi e spunti e ci è sembrato corretto offrirvi anche delle informazioni preziose, come è destinata a fare soprattutto la sezione dedicata alla bibliografia e alle novità in libreria. Una sezione decisamente importante, che verrà tenuta il più possibile aggiornata anche se per ragioni che attengono alla limitatezza del nostro impegno non potrà essere esaustiva. Potrete trovare direttamente sul sito preziose indicazioni bibliografiche per i vostri approfondimenti. Speriamo di poter rendere qualche utilità anche agli editori, specie a quelli più piccoli, che potranno inviarci le segnalazioni delle loro novità sul tema e, se vogliono, inviarcele anche per avere delle recensioni che poi rimarranno stabilmente nell’apposita sezione.

Le informazioni bibliografiche sono organizzate in pagine diverse (in formato PDF così che possano anche essere facilmente scaricabili). A parte trovate le novità dell’anno o comunque recenti, mentre la bibliografia specifica per l’uso alimentare e quella per gli altri ambiti etnobotanici si presentano divise. Queste due bibliografie, soprattutto la seconda, sono purtroppo limitate a causa della vastità del tema e della pochezza del nostro tempo a disposizione. Non siamo andati oltre qualche decennio. Del resto se siete interessati a bibliografie più complete potete sempre consultare facilmente i cataloghi on line delle biblioteche nazionali e i cataloghi del SBN o i molti altri che ci sono in Rete.

Uno spazio doveroso lo abbiamo dato invece alle bibliografie che fanno riferimento ad aree regionali e locali – non solo per gli aspetti fitoalimurgici, ma anche per altri temi etnobotanici che ci sono sembrati interessanti – aggiungendo alle edizioni cartacee in libro anche alcuni articoli o saggi più brevi reperibili in riviste, anche on line. Ci è sembrato necessario offrire liste tematiche per regione dal momento che riguardo al tema delle tradizioni e dell’uso alimentare delle piante spontanee il riferimento più immediato per ricercatori e divulgatori è stato da sempre il territorio più vicino, inteso sempre in un senso ristretto e quasi mai più ampio di un’area regionale, geografica o culturale che sia. Le ragioni di questa attenzione appaiono tanto ovvie che non è il caso di spiegarle. Del resto le pubblicazioni che fanno riferimento ad aree nazionali o più ampie (es.: Europa) non solo sono rare ma si basano essenzialmente sulle notizie ricavabili dagli studi locali.

La sezione “materiali” e quella delle “annotazioni storiche” offrono links e documenti, originali e messi a disposizione da studiosi del tema o rielaborati, e forniscono per l’attualità o per il passato specifici contributi di approfondimento su temi diversi. La sezione “etimologia” trova qui invece la sua collocazione per via dei legami semantici col passato, anche se avrebbe potuto essere collegata al glossario vista la sua funzione. La pagina ospita essenzialmente dei links, dato che un tale ambito non attiene al nostro mestiere e niente o quasi potremmo aggiungere al lavoro svolto tanto egregiamente da altri. La pagina ha essenzialmente lo scopo di aiutarvi a cercare il significato etimologico di molti termini della denominazione botanica direttamente dal nostro sito. Un aiuto per chiarire significati dei nomi a volte oscuri. avvertendo però qualche visitatore meno avveduto, che confida di poter scoprire quello vero e originario di una parola, che la sola cosa – anche se non è poco – che può ottenere da un buon dizionario etimologico è la storia conosciuta (e riconosciuta) di una tal voce, storia mutevole e destinata peraltro a proseguire e a mutare col tempo, secondo la volontà degli uomini e nonostante il suo inserimento nel dizionario.

Abbiamo infine inserito in questa parte del sito anche pagine letterarie, più o meno note, di autori di ogni epoca e cultura, che hanno posato la loro attenzione sulle piante spontanee. Si va da pagine conosciute di autentici monumenti della letteratura italiana e mondiale – come “L’orto di Renzo” di Manzoni o talune poesie di Pascoli – ad autori meno conosciuti anche se dall’apprezzabile produzione letteraria. Abbiamo aggiunto anche degli autori “minori”, tali a volte solo per fortuna letteraria, e non abbiamo voluto escludere neppure quelli che pubblicano per proprio conto o sul Web e che offrono talvolta pagine o poesie non meno apprezzabili.