La valle del Timeto: Storie di uomini e piante

Nota di lettura e avvertenze per i lettori riguardo all’ortografia e alla pronunzia dei termini in daletto
Più che fischietti

Nocciole e noccioli
Erbe amare
Frutti da rubare
Intorno ai cavolicelli
Erbe in padella
Finocchi per la gola
Piccoli frutti mai dimenticati
Seminavo anch’io quando ero piccolo
La ludoteca della natura
Buone per mille usi
Valle del Timeto: la cucina vegetale

Questa sezione ospita articoli e memorie che parlano del rapporto antico e in parte ancora attuale fra uomini e piante nella vallata del Timeto (Nebrodi Orientali, in Sicilia). Gli scritti compaiono qui in forma disorganizzata, ognuno con la propria unicità e completezza, ma fanno parte di un disegno più complessivo che attraverso la loro collezione ordinata mira a conservare la memoria di questo rapporto. Lo strumento di questa conservazione non è, per ragioni di opportunità, la ricerca scientifica puntualmente rispettosa di metodi e strumenti di indagine in ambito etnobotanico o etnoantropologico, bensì quello più modesto ma anche più immediato della memoria, dell’annotazione.

Il tema del rapporto tra uomini e piante che ci ha interessato non riguarda solamente l’agricoltura e le piante più usate dalle gente che ha popolato e popola questa vallata, ma è ampliato, con ampio spazio, alle piante spontanee e ai loro usi, da quello più importante, alimentare, fino agli usi effimeri, occasionali o meramente contingenti. Talvolta si tratta di temi minuscoli, da un osservatorio microscopico della quotidianità, ma si tratta di aspetti non trascurabili di una cultura immateriale qui ricordati per salvaguardarne la memoria. Una forma di tutela, l’unica possibile forse in mancanza di una qualche istituzione museale con questa mission. Anche un modo per cercare di dare un piccolo originale contributo di conoscenza.

Queste pagine vengono ospitate nella sezione di questo sito per collocazione logica, ma vengono ospitate anche sul sito www.pietroficarra.eu, essendo legate alla storia e alla cultura di un territorio preciso e avendo anche lo scopo di farsi leggere da un pubblico di navigatori del Web interessati ad esso. Sono anche pagine aperte alla collaborazione di chiunque voglia condividere lo stesso fine di salvaguardia di questi aspetti della cultura immateriale. L’invito è rivolto a tutti coloro che possono contribuire alla conservazione del comune patrimonio culturale delle genti di questa vallata. Le singole pagine possono anche essere richieste da riviste ed editori per pubblicazioni on line o meno o per altri usi, previo contatto per la definizione dei diritti di pubblicazione e/o di copia, che per utilizzi non commerciali saranno concessi in forma gratuita.